Un Ente ha richiesto un parere all’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni in merito alla pausa obbligatoria disciplinata dall’art. 23 del CCNL Funzioni centrali 2016/2018; in particolare voleva capire se una sosta intermedia nell’arco del turno lavorativo (di durata compresa tra i 10 e i 15 minuti) fosse idonea a interrompere il computo delle sei ore consecutive di lavoro che, ai sensi dell’articolo di cui sopra, obbligano a una pausa di almeno 30 minuti. Questo diritto è finalizzato a consentire il ristoro delle energie psicofisiche e all’eventuale consumo del pasto.

L’Aran si è espresso positivamente a riguardo nel parere n. 2317/2019, considerando tale sosta appropriata a interrompere il computo delle sei ore consecutive di lavoro.