Referto Controllo di Gestione2018-06-22T08:41:16+00:00

REFERTO DI CONTROLLO DI GESTIONE

Studio Sigaudo si offre per supportare l’Ente nel referto controllo di gestione.

Gli impegni sempre più numerosi e pressanti, il poco tempo a disposizione, le difficoltà a operare nel sistema attuale, sono alcuni degli ostacoli che si trova oggi ad affrontare l’ufficio finanziario. Le novità normative che hanno caratterizzato il settore finanziario negli ultimi anni sono sicuramente di portata rilevante. La variazione che ha interessato il sistema contabile, affiancando alla contabilità finanziaria quella economico patrimoniale, ha comportato un cambio radicale del sistema in essere. Il grande sforzo di aggiornamento da parte degli operatori dell’ufficio finanziario, l’ammodernamento dei sistemi informatici in essere e l’evoluzione delle procedure operative, hanno fatto sì che oggi l’ente operi nel rispetto della nuova normativa. Il processo di programmazione ha assunto una maggiore specificità e un ampliamento degli adempimenti da porre in essere. L’introduzione del D.U.P., il documento unico di programmazione, ha fatto sì che lo studio del bilancio sia stato anticipato di diversi mesi rispetto alla fine dell’esercizio. Il monitoraggio continuativo, con un intervento eventualmente infra-annuale sui residui e il potenziamento del controllo di gestione, ha fornito nuovi strumenti all’amministrazione. Il passaggio dal patto di stabilità al saldo di finanza pubblica, pareggio di bilancio, ha fornito nuovi vincoli da rispettare e da verificare anche in riferimento a ogni intervento di variazione del bilancio approvato. Arrivando alla fine dell’esercizio è fondamentale rilevare l’importanza assunta dall’approvazione del bilancio entro il 31 dicembre, in modo da poter usufruire dei sistemi incentivanti e migliorare i parametri di virtuosità dell’ente.

Il supporto erogato dallo Studio all’ente è finalizzato ad agevolare il soddisfacimento dell’obbligo di redazione del referto del controllo di gestione. Questo documento, elaborato obbligatoriamente con cadenza annuale, serve a documentare il grado di realizzo degli obiettivi programmati.
Le fonti informative a cui si attinge per la sua elaborazione sono, tra le altre, il rendiconto, la relazione al conto consuntivo sullo stato di realizzo degli obiettivi programmati dal Consiglio comunale e la relazione alla Giunta sullo stato di realizzo degli obiettivi di gestione.
Destinato in passato agli amministratori e ai responsabili dei servizi, con l’art .198 bis del Testo Unico degli Enti Locali – introdotto – nel 2004 il referto deve anche essere trasmesso alla sezione locale della Corte dei conti e sottoposto all’organo di Revisione.

 

Scarica la scheda in PDF
CONTATTACI ORA